A Diamante la Street Art osa. Contro la violenza e la discriminazione

martedì, 11 settembre 2018


Sono oltre trecento i murales che ricoprono le facciate degli edifici dell’antico borgo marino di Diamante, in provincia di Cosenza, un patrimonio figurativo destinato ad accrescersi grazie al Festival di arte urbana Osa – Operazione Street Art, in corso dal 10 al 15 settembre 2018.

Diamante vanta una lunga tradizione relativa all’arte di strada: fu il pittore Nani Razetti, milanese, ma diamantese di adozione, a dar vita nel 1981 all’Operazione Murales, facendo arrivare ottantatré pittori da tutta Italia e dall’estero che iniziarono a dipingere i muri del centro storico con l’intento di rivitalizzarlo. Nel corso degli anni, all’originaria operazione pittorica, si sono aggiunte nuove sperimentazioni artistiche come le poesie scritte sui muri, le installazioni multimateriali, i mosaici, le rassegne tematiche, i sottoportici dipinti, che hanno fatto di Diamante la Città più dipinta d’Italia. Lo scorso anno, otto street-artisti hanno realizzato delle opere che si sono allontanate dall’area del centro storico dei vecchi murales interessando grandi pareti di case e edifici pubblici dell’area semicentrale cresciuta nello sviluppo urbanistico degli anni Settanta e Ottanta.

Anche quest’anno Diamante accoglie i writers più famosi della scena contemporanea, invitati ad esprimersi con una propria opera per declinare un messaggio contro ogni tipo di violenza e discriminazione. Per continuità con le motivazioni culturali che avevano ispirato l’iniziale operazione dei murales, anche OSA, che vuole essere, dunque, non soltanto un acronimo ma il manifesto di una poetica, si propone come momento di provocazione e stimolo al dibattito sul tema dei diritti civili.

Tra le presenze dell’edizione attuale cinque artisti spagnoli: Sfhir, Man O ‘Matic, TMX, Toni Espinar, Ele Man, e i nostri Solo, Diamond, Ozon, Riccardo Buonafede, Stefania Marchetto e Alessandro Rizzotti.


Fonte: A Diamante la Street Art osa. Contro la violenza e la discriminazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*