Ai Weiwei a Palazzo Strozzi: un doc su RAI 5

giovedì, 15 settembre 2016




In Cina nel 2008 a Sichuan, provincia della Repubblica Popolare Cinese, ci fu un enorme terremoto che causò la morte di circa 90 mila vittime tra i quali 5 mila bambini. L’artista e attivista cinese Ai Weiwei accusa il governo di essere responsabile della morte dei bambini per l’incuria con cui gli edifici scolastici erano stati costruiti e attirando l’attenzione, con la sua produzione del documentario di quasi un‘ora, chiamato “So sorry”.

Nel documentario l’artista viaggia come testimone nei luoghi del terremoto, provocando un’irruzione notturna nell’albergo dove si trova e dove viene picchiato dalla polizia cinese.

Quell’anno non fu l’unico scandalo che mise la Cina in ginocchio; ci furono inoltre rivolte in Tibet, Xinjiang, e Weng’an, e anche lo scandalo del latte in polvere per neonati che risultò avvelenato. Eventi che furono seguiti attentamente da Ai Weiwei sul suo popolarissimo blog www.aiweiwei.com  accessibile tuttora in cinese e inglese e considerato un esempio di libertà d’espressione e di opinione.

La libertà dell’uomo e i diritti umani sono al centro della sua arte. Ai Weiwei stesso ha confidato al critico e storico dell’arte Hans-Ulrich Obrist che “in una società come la Cina, qualunque argomento riguardante il diritto d’espressione, diventa inevitabilmente politico. Quindi io sono divenuto naturalmente una figura politica“. (“Ai Weiwei speaks with Hans-Ulrich Obrist” pubblicato nel 2011)

La mostra a Palazzo Strozzi

Dal 23 settembre fino al 22 gennaio 2017 Palazzo Strozzi a Firenze ospita la prima grande mostra italiana dedicata al controverso artista. Un percorso tra opere storiche, sculture e oggetti simboli della sua carriera, installazioni monumentali, fotografie e video.

Il documentario “Ai Weiwei libero”

La RAI è main mediapartner della mostra. Rai Cultura dedicherà uno speciale di 30 minuti a Ai Weiwei libero di Giosi Mancini per la regia di Andrea Montemaggiori che andrà in onda il 30 settembre alle 22.45 su RAI 5.

Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei Ai Weiwei



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*