Farnesina Porte Aperte

martedì, 10 maggio 2016



La collezione di arte contemporanea della Farnesina nasce nel 2001 grazie all’allora segretario generale, Umberto Vattani, per sottolineare l’impegno del Ministero nella ricerca artistica attuale.

Il primo nucleo di opere privilegia i maestri italiani del XX secolo, rappresentanti delle più importanti correnti dell’epoca, come il Futurismo, la Metafisica, l’Informale o lo Spazialismo. In tempi più recenti la collezione ha esteso i suoi interessi anche verso correnti più recenti, come quella Poverista, Pop, Concettuale, fino alla Nuova Figurazione a alla Transavanguardia.

Tanti, quindi, gli artisti le cui opere arricchiscono questa collezione, citiamo ad esempio Accardi, Afro, Balla, Boccioni, Boetti, Burri, Capogrossi, de Chirico, de Dominicis, Fontana, Guttuso, Kounellis, Merz, Ontani, Pistoletto, Schifano e tantissimi altri.

Da molti anni “Farnesina Porte Aperte” è un appuntamento che rinnova l’impegno del Ministero nella promozione del proprio patrimonio in Italia e all’estero: un’occasione per dialogare direttamente con i cittadini, rendere trasparente la propria attività istituzionale, far conoscere la storia dell’edificio, delle sue collezioni d’arte e del suo patrimonio storico-archivistico e librario, trasformare uno spazio pubblico in un bene condiviso da tutti.

Quest’anno il Ministero partecipa alle commemorazioni che si svolgono in tutta Italia con l’esposizione storico-documentaria L’Italia e la diplomazia della Grande Guerra. Origini, sviluppi, conseguenze. Viene inoltre proposta una rara esposizione di macchine cifranti storiche. Parallelamente a queste iniziative, si rinnova la possibilità di visitare gli ambienti più rappresentativi del Ministero e della Collezione Farnesina d’arte contemporanea.

Grazie alla manifestazione “Farnesina Porte Aperte” la collezione sarà visitabile su prenotazione fino a venerdì 13 maggio 2016. Vi presentiamo il servizio di “Memo, L’agenda culturale” di Rai 5 dedicato all’evento.


Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*