I Robodroidi di Saskia Corso

mercoledì, 25 novembre 2015


Robot che prendono vita e saltano fuori dalla catena di montaggio, per sviluppare i tratti negati della propria personalità e intraprendere percorsi inaspettati.  I Robodroidi diventano umani, decidono di prendersi il proprio tempo, di rifiutare la corsa al massimo della potenza per cui erano stati costruiti, per adagiarsi su un regime minimo, più idoneo a favorire lo sviluppo di una presa di coscienza che, a partire dal difetto individuale, diventa potenza creativa. Un percorso che non può prescindere da quello dell’artista che li ha immaginati e ha dato loro forma: Saskia Corso, classe 1974, di padre romano e madre olandese, viaggiatrice ed esploratrice del mondo underground. I Robodroidi sono per lei dei giocattoli, che si aggirano tra gli spazi chiusi e le vie della città, ricongiungendosi con la materia prima da cui provengono: plastica e metalli, materiali di riciclo, tutto ciò che la gente butta via. Il pubblico romano ha la possibilità di vedere i robodroidi  alla Nero Gallery nel  cuore del Pigneto in una mostra a cura di Marta Gargiulo. “Idle speed” Nero Gallery Via Castruccio Castracane, 9 Roma Fino al 5 dicembre 2015
Il portale di RAI Cultura dedicato all’arte e al design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*