Il segreto di Manet

lunedì, 15 maggio 2017




“Credo che ciò che in primo luogo mi ha colpito nei quadri di Manet siano gli occhi e gli sguardi dei suoi ritratti, che provocano, come dice Bataille un malaise, una sensazione di malessere”. Così scrive Franco Rella che, sviluppando le riflessioni di Georges Bataille, indaga le ragioni profonde della capacità attrattiva di Manet, e ne mette a fuoco il carattere enigmatico che sopravvive ad ogni interpretazione.

Édouard Manet è uno dei pittori più apprezzati e anche uno dei più misteriosi: le tele che suscitarono scandalo nei suoi contemporanei non smettono di provocare oggi inquietudine e disagio. Poeti, scrittori e filosofi (da Zola a Mallarmé fino a Foucalt) hanno cercato di penetrare il mistero che avvolge sguardi e ambientazioni dei suoi quadri.

Rai Cultura ha incontrato il filosofo Franco Rella, in occasione della presentazione del saggio Il segreto di Manet (edito da Bompiani), presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

 



Fonte: Il segreto di Manet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*