La Biblioteca Nazionale è anche uno scrigno di arte

martedì, 1 marzo 2016




Il 31 gennaio del 1975 veniva  inaugurata al Castro Pretorio, nei pressi della stazione Termini di Roma, la nuova sede della Biblioteca Nazionale Centrale. Ora un nuovo spazio espositivo permanente celebra i 40 anni dalla riapertura ed i 50 dall’inizio dei lavori di costruzione. Per il nuovo edificio della biblioteca infatti, fu bandito un concorso, nel 1959, cui parteciparono i più importanti  architetti dell’epoca con ben 32 progetti in competizione tra di loro.  Inoltre, alla costruzione dell’ edificio, segui’ nel 1970, un bando per l’ ideazione e la realizzazione di opere di arte contemporanea che vennero poi realizzate da importanti artisti  come Afro, Capogrossi, Consagra etc. Si capisce bene dunque perché la Biblioteca sia anche una preziosa testimonianza delle correnti architettoniche ed artistiche più rappresentative degli anni ’60 e ’70 del secolo scorso. Raiarte ha intervistato il direttore della Biblioteca Nazionale,  Andrea De Pasquale, che ci ha fatto fare un piccolo viaggio tra passato, con la storia della biblioteca, presente, con la descrizione della nuova area espositiva e futuro, con l’annuncio di un nuovo concorso per giovani artisti.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*