Palazzo Venezia torna a splendere: restaurato un importante affresco

martedì, 30 maggio 2017



E’ uno dei palazzi, non solo rinascimentali, più importanti della capitale. E’ nel cuore del cuore di Roma, E’ un prezioso scrigno di tesori artistici ed un pezzo importante della storia di questo paese. Peccato però che, fino a non molti anni fa, pochi lo conoscessero e lo visitassero.

Stiamo parlando di Palazzo Venezia, che,  fortunatamente, grazie all’instancabile opera di valorizzazione portata avanti da Edith Gabrielli, che dirige il Polo Museale del Lazio, sta pian piano tornando all’ antico splendore e soprattutto negli itinerari culturali  di romani e turisti.

Dopo che il giardino, per anni ridotto a parcheggio ministeriale, è stato liberato e restituito alla fruizione collettiva, è ora la volta di un importante restauro che è stato interamente finanziato, con una donazione liberale, dalla Fondazione Silvano Toti. 

L’intervento di restaro ha riguardato la Sala delle fatiche di Ercole, che si trova al piano nobile di Palazzo Venezia, nell’ appartamento del fondatore dell’ edificio, il cardinale veneziano Pietro Barbo, poi divenuto papa Paolo II (1464-1471). Essa era ufficialmente destinata alla custodia dei paramenti sacri del pontefice e perciò è anche conosciuta come Sala dei Paramenti. Il fregio a fresco che ne decora la parte alta raffigura in trompe – l’oeil una loggia a dodici arcate, quattro con fontane ed amorini e le restanti otto con le fatiche dell’ eroe.

Non sappiamo ancora il nome del pittore che dipinse il fregio, sicuramnete di scuola mantegnana, ma ora sono molto aumentate le possibilità di dargli finalmnete un nome. Ce lo ha spiegato la stessa Gabrielli, che ha  ripercorso per noi la storia del palazzo, della Sala delle fatiche di Ercole e ci ha raccontato tutto di questo prezioso restauro.

Per il girdino divenuto un oasi di pace potete cliccare su http://www.arte.rai.it/articoli/riapre-un-incantevole-giardino-in-uno-storico-palazzo-romano/33890/default.aspx


Fonte: Palazzo Venezia torna a splendere: restaurato un importante affresco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*