Par tibi, Roma, nihil

lunedì, 20 giugno 2016


All’interno di un’area che riapre al pubblico dopo lungo tempo (Domus Severiana, Stadio Palatino, peristilio inferiore Domus Augustana), le opere della collezione Nomas Foundation dialogano con l’identità di Roma, in bilico tra la suggestione dell’antico e le contraddizioni socio-politiche generate dalla trasmissione e mutazione della sua immagine. Al centro del dibattito critico l’appropriazione della memoria storica (spolia), la manipolazione ideologica delle …



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*