Roberto Ferri, surreale germoglio caravaggesco

sabato, 3 settembre 2016




Pittore con l’animo rock  e lo stile di un’altra epoca: Roberto Ferri (Taranto 1978) ci parla  delle sue incredibili opere pittoriche e del modo in cui nascono. Pervase da un’atmosfera misteriosa e caravaggesca, piene di significati e con dettagli impregnati di contemporaneità; sono lavori che raccontano un virtuosismo nato da ispirazioni improvvise o visioni notturne, ma anche da studi approfonditi, con maestri quali Gaetano Castelli, scenografo della RAI o Francesco Zito, costumista teatrale.

Ferri utilizza il suo lavoro anche per mostrare il mondo contemporaneo, per portare fuori i demoni interiori di ciascuno e usare la sua fede cristiana come ispirazione., non tralasciando il lato oscuro dell’anima.

Dentro le sue opere c’è anche tutto un lavoro sulla concezione dell’opus alchemico e sulla sublimazione interiore. Maurizio Calvesi ha definito la sua arte un “radicale anacronismo”.

L’artista ha partecipato alla 54esima Biennale di Venezia, eseguito alcuni ritratti di Papa Francesco I  e eseguito 14 tele della Via Crucis per la Cattedrale di Noto (Siracusa), commissionate da Vittorio Sgarbi.



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*