Simona Muzzeddu. Io vivo in te

mercoledì, 27 luglio 2016


L’obiettivo di Simona si insinua tra i margini estremi dell’incontro. E può essere questione di un attimo, di un passaggio, o di un ritorno. Si tratta di gesti, e di loro tentativi, che restituiscono l’immagine, preparano il futuro componendo il presente. Tra le volizioni del reale e le intersezioni del simbolico, compare lo spazio dell’umano, anche se si tratta di pura geometria delle passioni. Lo sguardo di Simona si muove tra ciò che è visibile …



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*