Symbola. Il potere dei simboli

lunedì, 26 ottobre 2015


Dal 16 Ottobre, e fino al 15 aprile del 2016, nella suggestiva area dello Stadio di Domiziano sarà ospitata “SYMBOLA – Il potere dei simboli. Recuperi archeologici della guardia di finanza”, una straordinaria rassegna di opere e manufatti che esplorano il tema della simbologia nell’antichità. Questa mostra ha come obiettivo quello di promuovere e far conoscere al vasto pubblico dei visitatori l’attività che la Guardia di Finanza pone in essere a salvaguardia del patrimonio storico, artistico e archeologico del Paese, e di ammirare il tesoro da loro custodito che, proprio in ragione del suo status, non è accessibile al grande pubblico. In una specifica sezione allestita nel percorso della mostra sarà presente una selezione dei materiali provenienti dalla campagna di scavi scientifici condotta nell’area di Pantanacci, di cui si conosceva l’esistenza dalle fonti antiche, ma non l’esatta ubicazione, dalla Soprintendenza per l’Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale e dalla direzione del Museo Civico Lanuvino.L’intervento consentì di recuperare in extremis oltre 5.000 opere destinate al mercato illegale Gli scavi hanno riportato alla luce una grande quantità di ex voto, tra cui uteri, falli, vesciche, mani, seni e cavi orali, quest’ultimi considerati  dei veri e propri  “unica” nel repertorio delle riproduzioni anatomiche. Si tratta di opere inedite – esposte, quindi, per la prima volta al pubblico dei visitatori – ascrivibili dal IV-III secolo a.C. al I secolo d.C., notevoli per la loro resa naturalistica e molti di considerevoli dimensioni,  come afferma Vincenzo Lemmo, archeologo e curatore della mostra, sottolineando il contributo fondamentale nella realizzazione della mostra del Direttore Archeologo della Soprintendenza per l’Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale, Giuseppina Ghini, e del Direttore del Museo Civico Lanuvino, Luca Attenni. La mostra è divisa in quattro sezioni, che affrontano rispettivamente il mondo magico-religioso, politica e società, il mondo funerario e infine una sezione speciale sull’alimentazione.
Il portale di RAI Cultura dedicato all’arte e al design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*