Un simbolo della bellezza italiana torna a splendere

venerdì, 20 novembre 2015


E’ universalmente riconosciuta come uno dei simboli della bellezza italiana più noti nel mondo, ammirata ovunque per la magistrale combinazione di architettura e scultura, le dimensioni colossali e l’impressionante impatto scenografico. Stiamo parlando della Fontana di Trevi, gioiello romano che dopo un restauro durato 17 mesi e finito in anticipo,  è tornata ad incantare romani e turisti di ogni parte del mondo. Inaugurata nel 1762, era stata restaurata oltre 20 anni orsono e gli interventi effettuati sono stati particolarmente complessi,  tanto da richiedere l’intervento di 130 persone tra architetti, storici dell’arte, ingegneri, restauratori, tecnici specializzati ed operai. Noi abbiamo intervistato Anna Maria Cerioni,  della Sovraintendenza capitolina,  che è stata direttore scientifico dell’intervento di restauro e che ci ha raccontato la storia del monumento,  i motivi per cui era necessario intervenire, tutti i segreti del cantiere  e soprattutto come è stato restituire alla città ed al mondo una meraviglia artistica da trecentomila litri d’acqua al giorno o, se preferite, 150 litri al secondo!
Il portale di RAI Cultura dedicato all’arte e al design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*